Arrestati nella notte i presunti assassini di Maurizio Cerrato, il 61enne di Torre Annunziata morto per difendere la figlia in via IV Novembre. Sono 4 persone. Si tratta di Giorgio Scaramella, 51 anni, Domenico Scaramella, 51 anni, Antonio Venditto, 26 anni, Antonio Cirillo, 33 anni. Indagata la sorella di uno degli arrestati. I quattro, destinatari di un decreto di fermo, sono già nel carcere di Poggioreale.

Torre Annunziata, omicidio Cerrato: arrestate quattro persone. I nomi

L’operazione è scattata questa notte. I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata nei confronti dei quattro indagati. Sono ritenuti responsabili dell’omicidio del 61enne custode del Parco Archeologico di Pompei assassinato lunedì sera a Torre Annunziata.

Le indagini lampo dei carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, coordinati dalla Procura oplontina, hanno portato all’immediata identificazione del branco e dei ruoli di ognuno nell’efferato omicidio, avvenuto lunedì sera in via IV Novembre dopo la discussione per un parcheggio. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la figlia di Maurizio, Maria Adriana, il giorno del delitto si trovava in via IV Novembre con la propria auto. Per parcheggiare la vettura, sposta una sedia con cui gli indagati hanno abusivamente occupato uno stallo.

Al suo ritorno, però, Maria Adriana, trova uno pneumatico forato. Un avvertimento o un dispetto a chi ha violato uno spazio “privato”. A quel punto sopraggiunge il papà, Maurizio, per cambiare la gomma. L’uomo però si imbatte nel branco, capeggiato da Giorgio Scaramella, che lo aggredisce a colpi di crick e poi gli sferra un fendente al petto con un coltello al termine di una spedizione punitiva condotta insieme ad altri tre familiari. Il 61enne si accascia a terra sotto gli occhi di Maria Adriana. Inutile sarà la corsa in ospedale per salvarlo.

continua a leggere su Teleclubitalia.it