Il sindaco di Ottaviano ha firmato ieri, 6 aprile, una nuova ordinanza contenente misure ancora più restrittive, valide fino al 20 aprile, per contenere il contagio in città.

Zona rossa “rafforzata” a Ottaviano: misure ancora più restrittive, l’ordinanza del sindaco

Vietato alle persone di stazionare nelle piazze e nelle strade cittadine. Tra le disposizioni del primo cittadino, c’è anche il divieto di fumo in tutti gli spazi pubblici, ad eccezione dei casi in cui il fumatore sia isolato.  Vietato anche consumazione di cibi e bevande in forma statica nelle piazze e strade aperte al pubblico passaggio.

Novità per le cerimonie funebre. “Divieto di esecuzione dei riti funebri all’interno delle Chiese, per soggetti che siano deceduti a causa di patologie riconducibili al COVID-19. Divieto di dare pubblicità alle messe di trigesimo, alle quali potranno partecipare, così come per le esequie, unicamente gli stretti appartenenti alla famiglia dei defunti”, è quanto si legge nell’ordinanza.

Asporto e consegna a domicilio

Le attività commerciali come bar, gelaterie, yogurteria e pasticceria possono fare asporto fino alle 18. Consentita la consegna a domicilio, a battenti chiusi, dalle ore 18 e senza limiti di orario. Per le attività di ristorazione, invece, è consentito l’asporto fino alle ore 21. Mentre la consegna a domicilio, sempre a battenti chiusi, potrà esser fatta dalle ore 21 e senza limiti di orario.

Leggi altre notizie su Ottaviano >> informati qui 

Inoltre, gli esercizi commerciali, le attività economiche e i supermercati sono obbligati a contingentare gli ingressi, “limitando l’accesso nella misura di 1 uniti ogni LO mq, (locale commerciale di mq. 100 = accesso massimo di 10 persone)”. E’ fatto obbligo per le attività economiche e commerciali aventi grande affluenza (supermercati – banche – uffici postali) di predisporre, agli ingressi, strumenti dissuasori che impediscano la formazione di assembramenti.

Chiusure

Le attività commerciali sono obbligate a chiudere alle ore 20 e 30 nei giorni infrasettimanali ed alle ore 14.00 nei giorni festivi, fatta eccezione per le farmacie e parafarmacie che osserveranno i regolari orari di turno. “Blocco delle erogazioni dalle ore 21 alle ore 5 del giorno successivo e la contestuale chiusura delle serrande d’accesso ai singoli centri di attività, per tutti gli esercizi commerciali provvisti di distributori automatici di bevande – alimenti e tabacchi”, si legge nell’ordinanza.

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it