luigi schettino morto covid polizia marcianise aversa

E’ morto a soli 43 anni Luigi Schettino, commissario di Polizia in servizio a Marcianise. L’uomo, originario di Aversa, è deceduto all’ospedale Monaldi di Napoli stroncato dal Covid. Si è spento dopo un lungo calvario durato diversi giorni. A darne notizia è il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi.

Marcianise e Aversa piangono Luigi Schettino: ucciso dal Covid a 43 anni

Marcianise piange un’altra vittima per il maledetto covid. Se ne è andato poche ore fa Luigi Schettino, 43 anni appena, fisico e testa da lottatore, dirigente di polizia. E’ morto dopo un lungo calvario, conclusosi nella rianimazione del Monaldi di Napoli. Sono quattro le vittime da covid a Marcianise in questa settimana santa e, purtroppo, sono in molti ancora a soffrire: tra loro diversi giovani.

Schettino viveva a Marcianise, dove si era trasferito da Aversa, insieme alla moglie e ai due figli. Abitava a San Giuliano, faceva vita molto riservata. “Giovane studente a Giurisprudenza a Santa Maria Capua Vetere – scrive Velardi -, era un asso del diritto amministrativo: alcuni suoi amici e colleghi ancora ricordano la sua seduta di laurea e la sua proclamazione con molto onore e con molti applausi. Aveva in testa (e nel cuore) la Polizia di Stato e perciò decise di arruolarsi”.

“Se ne va una brava persona – spiega Velardi -, un amorevole padre, un uomo dello Stato. Marcianisano di adozione, lo era diventato a tutti gli effetti. Per la nostra comunità è un altro durissimo colpo, ed anche un micidiale monito. Al dottore Schettino un commosso pensiero, ai familiari le più sentite condoglianze e un affettuoso abbraccio, alla Polizia di Stato il nostro cordoglio. Una morte ingiusta, gli sarà sicuramente lieve la terra”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it