caldoro teleclubitalia

“I vaccini non ci sono. Ci fossero, al di là che il vaccino non è ancora stato autorizzato, allora se lo Stato non riesce, li acquista la Regione. Ma la truffa è questa, che i vaccini ancora non ci sono. Ci saranno tra otto mesi, forse. E le truffe creano confusione, ledono alla credibilità della campagna vaccinale. Chiediamo, come opposizione, ma vale il piano di Draghi, o vale quello di De Luca? Perché anche se l’Europa sta fallendo in quanto i vaccini sono pochi, Draghi comunque ce li fornisce. Invece De Luca no. I cittadini devono prenotarsi secondo le indicazioni del piano vaccinale nazionale, o non devono prenotarsi aspettando il vaccino che non c’è?” Sono queste le parole di Stefano Caldoro, intervenuto a Campania Oggi, trasmissione di Teleclubitalia, parlando dei vaccini in Campania.

Caldoro a Teleclubitalia

Poi un passaggio sulla conferma della regione in zona rossa: “Sicuramente c’è stato qualche errore da parte della Regione. Bisogna capire bene cosa non funziona. Al Cardarelli e all’Ospedale del Mare ci sono situazioni critiche. E questo crea non poche preoccupazioni nel Governo. Non c’è organizzazione e gli ospedali sono al collasso”.

Nonostante la zona rossa, le scuole riapriranno anche in Campania dopo Pasqua con il nuovo decreto Draghi: “De Luca ha ritenuto le scuole colpevoli, ma non è così. Le regioni che hanno tenuto le scuole chiuse meno tempo, hanno situazioni meno gravi della Campania”, ha dichiarato in diretta, aggiungendo: “il Governo oggi ha deciso che la decisione di chiudere le scuole dipende solo dai numeri e dai dati reali, scientifici, non più dagli umori dei presidenti regionali”

Infine sulle prossime elezioni amministrative a Napoli e la situazione nel centrodestra, dice: “Il Centrodestra ha tante disponibilità, prima tra queste è quella di Maresca, grande risorsa per la nostra città. È bene che in questa fase ci siano più disponibilità. Servono per costruire una squadra”. Sulla candidatura di Bassolino, che ha definito Napoli “una città scassata”, l’Onorevole ha le idee chiare. “Ha sicuramente grande esperienza, ma è un esponente della stessa sinistra che sta cacciando alleanze e candidature dell’armata brancaleone. Il centrodestra è unito e compatto, il centrosinistra in totale confusione”.

Ha collaborato Anna Maria Di Nunzio

continua a leggere su Teleclubitalia.it