vaccini effetti collaterali

La campagna vaccinale contro il Coronavirus continua in tutto il mondo. Attualmente sono stati somministrati più di 280 milioni di vaccini, circa 60 milioni di persone hanno già ricevuto la seconda dose. Dalle testimonianze di chi si è sottoposto già al trattamento è stato confermato che, nella maggior parte dei casi, nei giorni seguenti alla iniezione il paziente manifesta tutta una serie di effetti collaterali simili ai sintomi tipici di una normale influenza. Alcuni di questi, però, sono più comuni di altri.

In Italia

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato il secondo Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini COVID-19, riguardante i dati registrati nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) fino al 26 febbraio 2021.

Su 4.118.277 dosi somministrate per tutti i vaccini sono arrivate in Italia 30.015 segnalazioni di reazioni avverse, con un tasso di segnalazione di 729 ogni 100.000 dosi.

È quanto emerge dal secondo Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini Covid-19, riguardante i dati registrati nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) fino al 26 febbraio 2021, reso noto dall’Agenzia italiana del Farmaco. Si tratta tuttavia di effetti collaterali non gravi, che sono pari al 93,6% delle segnalazion

Effetti collaterali dei vaccini

Dopo la somministrazione del vaccino, quasi tutti i casi hanno dovuto far fare a qualche effetto collaterale. La febbre è stata segnalata con maggior frequenza dopo la seconda dose rispetto alla prima, seguita da cefalea e astenia.

Comirnaty (Pfizer), la maggior parte degli effetti indesiderati è riferita a febbre (soprattutto dopo la seconda dose), dolore in sede di iniezione, astenia/stanchezza e brividi, classificati come non gravi nel 95% dei casi. Seguono in ordine di frequenza cefalea e parestesia, dolori muscolari e articolari diffusi, nausea e diarrea.

Moderna, febbre, astenia/stanchezza e dolore in sede di iniezione, per il 94% dei casi non gravi. Seguono dolori muscolari e articolari diffusi, mal di testa, nausea e vomito. In 32 schede di segnalazione relative al vaccino Moderna sono riportati eventi avversi considerati gravi: febbre alta, mialgie ed artralgie diffuse.

AstraZeneca la maggior parte degli eventi riguarda febbre, brividi, astenia/stanchezza e dolore in sede di iniezione. Il 90% di queste segnalazioni sono classificate come non gravi. Seguono dolori muscolari e articolari diffusi, mal di testa, nausea e vomito.

Per le seconde dosi del vaccino AstraZeneca (previste dopo 12 settimane dalle prime) non è possibile fare valutazioni in quanto non sono ancora state somministrate. La maggior parte delle 79 segnalazioni di eventi avversi gravi si riferisce a febbre alta, tremore, vertigine, sudorazione eccessiva, sonnolenza, difficoltà di respirazione, dolore generalizzato. Fa sapere AstraZeneca che su 17 milioni di vaccinati «ci sono stati 15 eventi di trombosi venosa profonda e 22 eventi di embolia polmonare segnalati tra coloro a cui è stato somministrato il vaccino, in base al numero di casi che la Società ha ricevuto all’8 marzo».

continua a leggere su Teleclubitalia.it