Spostamenti nelle abitazioni private vietati dal 15 marzo fino al 2 marzo, fatta eccezione a Pasqua e a Pasqua. Sembra questa la direzione che intende seguire il governo Draghi.

Pasqua in zona rossa: posso far visita ad amici e parenti? Cosa c’è da sapere

Secondo la bozza del decreto legge che circola in queste ore le visite nelle abitazioni private saranno consentite solamente in zona arancione dal 15 marzo al 2 aprile e poi nella giornata del 6 aprile.

E saranno poi consentite, anche per chi è in zona rossa, il 3, 4 e 5 aprile (quindi per Pasqua) su tutto il territorio nazionale. Nella bozza del decreto si spiega che dal 15 marzo al 2 aprile e nella giornata del 6 aprile tutte le zone gialle diventeranno in automatico arancioni.

Nelle zone arancioni – ma non in quelle rosse –  sarà consentito all’interno del proprio comune “lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle conviventi”, a cui si possono aggiungere minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Visite a parenti e amici a Pasqua

Le regole sulle visite nelle abitazioni private saranno diverse per i giorni di Pasqua (sabato, la domenica e il lunedì di Pasquetta). In questi giorni tutta l’Italia sarà zona rossa, fatta eccezione per eventuali Regioni in zona bianca. Per i giorni di Pasqua, però, le visite a parenti e amici nelle abitazioni private saranno consentite: lo spostamento potrà essere effettuato massimo una volta al giorno e per massimo due persone più minori di 14 anni o disabili conviventi. Dovrà essere rispettato sempre il coprifuoco alle 22.

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it