smantellati 3 cartelli narcotraffico arresti

Smantellati tre cartelli del narcotraffico con base operativa a Scampia, Secondigliano e Torre Annunziata. Eseguiti 20 arresti in provincia di Napoli, a Catania e a Varese.

Napoli, smantellati 3 cartelli di narcotraffico: uno vicino ai Di Lauro. Venti arresti, i nomi

Dalle prime ore dell’alba, oltre 200 finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, hanno eseguito arresti e perquisizioni.

L’operazione è in corso non solo in Campania, ma anche in altre due regioni italiane: Piemonte e Lombardia. I finanzieri hanno accertato che i tre distinti gruppi criminali di narcotrafficanti avevano base logistica nei quartieri Scampia e Secondigliano del capoluogo e a Torre Annunziata.

Il primo dei gruppi criminali è riconducibile alla famiglia GENOVESE, già oggetto di precedenti vicende giudiziarie per affari illeciti col clan “GALLO-CAVALIERI” di Torre Annunziata.

In particolare, il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli ha ricostruito i traffici di GENOVESE Franco, promotore del sodalizio criminale, il quale aveva acquistato partite di hashish da trasferire prima in Sicilia, attraverso l’intermediazione di un esponente del clan CAPPELLO di Catania, e successivamente a Malta, dove un suo associato provvedeva ad immetterle nel locale mercato di stupefacenti.

Il secondo gruppo criminale è composto dalle famiglie MANZI/DANNIER, operante nei quartieri di Scampia e
Secondigliano. La famiglia DANNIER risulta storicamente inserita nel panorama del narcotraffico ed è ritenuta vicina al clan DI LAURO.

Inoltre, i membri dei Dannier si sono rivelati abili “broker” della
droga, vantando numerose “referenze” tra gli esponenti dei cartelli fornitori spagnoli e tra diversi affiliati di clan camorristici dell’area napoletana.

Determinanti per il loro “business” i frequenti contatti che i DANNIER stabilivano e mantenevano con esponenti di diverse organizzazioni, tra le quali i “DI LAURO “e i “CALDARELLI” – rispettivamente egemoni nei quartieri partenopei di Secondigliano e delle “Case Nuove” – ai quali avevano proposto la fornitura dello stupefacente.

Complessivamente, nel corso di questa lunga investigazione sono stati tratti in arresto 11 soggetti e sequestrati 576 kg di hashish, 11 kg. di cocaina e 166.360 € in contanti.

Gli arresti

MISURA CAUTELARE IN CARCERE:
1. BONACCORSI Agatino, nato a Catania il 21 novembre 1957;
2. DANNIER Adolfo, nato a Napoli il 27 novembre 1969;
3. DANNIER Tullio, nato a Somma Vesuviana (NA) il 24 marzo 1948;
4. ESPOSITO Geremia, nato a Napoli l’11 dicembre 1959;
5. ESPOSITO Vincenzo, nato a Napoli il 31 agosto 1985;
6. GENOVESE Franco, nato a Torre Annunziata (NA) il 23 marzo 1961;
7. MANZI Armando, nato a Cicciano (NA) il 12 gennaio 1963;
8. MONTELLA Vincenzo, nato a Torre del Greco (NA) il 13 maggio 1991;
9. PARISI Alessandro, nato a Napoli il 21 febbraio 1985.

MISURA CAUTELARE AGLI ARRESTI DOMICILIARI:

1. ALIBERTI Nunzio, nato a Napoli il 20 luglio 1976;
2. CUCCIA Carlo, nato a Tradate (VA) il 12 luglio 1980;
3. D’ANNA Salvatore, nato a Napoli il 4 aprile 1984;
4. DELLA NOTTE Giovanni, nato a Napoli il 7 giugno 1976;
5. DI NATALE Raffaele, nato a Napoli il 7 aprile 1970;
6. GENOVESE Aldovimino, nato a Pompei (NA) il 24 settembre 1971;
7. INTAGLIATORE Savino, nato a Torre Annunziata (NA) l’11 dicembre 1970.

continua a leggere su Teleclubitalia.it