Il campo rom di Scampia diventa zona rossa. A stabilirlo con un’ordinanza il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca. Di recente nella comunità rom sono stati riscontrati ben 29 positivi, di questi 11 sono bambini. Da ieri gli operatori sanitari stanno effettuando tamponi a tappeto per capire se ci siano altri positivi nel campo.

Napoli, De Luca dispone zona rossa per il campo rom di Scampia

“Ai cittadini aventi residenza, domicilio o dimora presso il menzionato Campo Rom di
Napoli (Circumvallazione Esterna) è fatto obbligo di isolamento domiciliare, con divieto di
allontanamento dalle proprie abitazioni, fatte salve esigenze sanitarie o connesse
all’acquisizione di generi di prima necessità”, si legge nell’ordinanza.

Le misure

Vietato entrare e uscire dal Campo Rom. E’ consentito alla comunità rom rientrare alla propria residenza, domicilio o dimora e di rimanere in regime di isolamento domiciliare e di sottoporsi a tutti i controlli sanitari disposti dalla ASL competente.

E’ fatta salva la possibilità di transito in ingresso ed in uscita dal Campo Rom da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’attività di assistenza. “Al di fuori delle ipotesi sopra menzionate, non è consentita l’uscita dall’area indicata per lo svolgimento di attività lavorativa”, si legge ancora nell’ordinanza firmata dal governatore campano.

Il Comune di Napoli, d’intesa con l’Unità di Crisi regionale e con il supporto della
Protezione civile e del volontariato, assicura “ogni forma di assistenza ai cittadini
anche attraverso la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessità per tutta la durata di efficacia del presente provvedimento”.

Esercito in campo

La zona interessata verrà presidiata dalle forze dell’ordine, dall’Esercito e dalla Polizia Municipale secondo quanto disposto dalla Prefettura e dalle altre Autorità
competenti.

continua a leggere su Teleclubitalia.it