I poveri sono in fila davanti alla mensa. Creano però assembramento. Vengono richiamati un paio di volte, finché gli agenti della Polizia Municipale non decidono di mostrare il pugno duro e multarli. Succede a Genova, in via Prè, storica via del centro della città.

Fila alla mensa dei poveri, c’è assembramento: scattano le multe

Alcuni bisognosi hanno ricevuto così una contravvenzione per non aver rispettato il distanziamento durante la fila. Alcuni non avevano neanche la mascherina.  «Dopo le segnalazioni – ha spiegato il comandante della polizia municipale Gianluca Giurato – per diversi giorni siamo andati a sensibilizzare. Abbiamo richiamato più volte le persone in coda a rispettare le norme. Ma nonostante tutto hanno continuato a non rispettare le norme e siamo dovuti intervenire».

Le persone sanzionate sono state tante. Uno di loro è stato anche denunciato perché ha mentito dicendo di essere un minorenne. Portato all’ospedale pediatrico Gaslini dalle radiografie è emerso che era maggiorenne. Nel corso del servizio, sempre in via Pré, sono state multate altre sei persone sempre per il mancato rispetto delle norme anti contagio. Non sono mancate però le reazioni per quanto accaduto. “La legge giusta va applicata guardando la situazione, altrimenti diventa ingiusta. In questo momento è necessario usare l’umanità”, ha dichiarato Don Giacomo Martino, direttore di Migrantes.

continua a leggere su Teleclubitalia.it