I dati sul contagio da Coronavirus a Milano non sembrano migliorare. E si rincorrono le voci su un possibile lockdown, pur con tutte le perplessità sulla chiusura di una metropoli come il capoluogo lombardo.

Ipotesi lockdown a Milano

Oggi il sindaco Beppe Sala, che finora aveva sempre escluso l’eventualità di un lockdown, ha però mostrato qualche timida apertura a riguardo.

“Tanti mi chiedono perché non chiudi, tanti chiedono che si faccia un lockdown – ha detto il sindaco -. Il punto è che per come vedo io le cose il Governo deve avere un ruolo importante in tutto ciò, non voglio scaricare le responsabilità, ma il punto fondamentale è che si può chiudere ma prima di chiudere bisogna dire a chi starà chiuso come verrà aiutato”.

Sala ha quindi chiamato in causa il governo, la necessità degli aiuti economici per le attività commerciali che potrebbero essere oggetto di ulteriori restrizioni. E ha poi aggiunto: “Io non voglio passare per il paladino di ‘non si chiude’, potete immaginare quanto mi stiano ributtando addosso il ‘Milano non si ferma’ e va bene, io sono qui per prendermi le mie responsabilità e non è questo il punto, ma voglio che venga fatto con buonsenso”.

“Credo che tutti ci siamo convinti del fatto che non sarà una cosa di una settimana o un mese, ma ci attende un lungo inverno di grande difficoltà. Proprio per questo chi fa il mio mestiere, chi si occupa di politica deve cercare di essere il più razionale possibile e soprattutto cercare di programmare le cose”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it