Fa ancora discutere la stretta di De Luca su ristorazione e movida che disciplina gli orari di ingresso nei ristoranti e la modalità di servizio di bar. Gli imprenditori del settore, più che nuove ordinanze. chiedono più controlli. Come ci spiega Domenico Iovino imprenditore nel comparto ristorazione.

L’ordinanza colpisce in maniera diversa ristoranti, bar e street food. Penalizzati chi si occupa del food notturno come ad esempio le famose “cornetterie di notte”. 

Intanto l’attenzione maggiore è rivolta ai sistemi di sicurezza: distanziamento, mascherina, lavaggio delle mani, misurazione della temperatura all’ingresso e documento per gli avventori all’ingresso dei locali.



continua a leggere su Teleclubitalia.it