“Inutile tenere le persone, contatti di positivi, in quarantena per 14 giorni. Se dopo 7 giorni sono negativi, possono tornare in libertà perché oggi sappiamo che il periodo di incubazione della malattia è di 4-7 giorni”. Sono queste le parole con cui il viceministro alla Salute, Piepaolo Sileri, ha sottolineato la proposta della quarantena obbligatoria “ridotta a 7 giorni”, nel corso di un’intervista rilasciata a Fanpage.it.

Coronavirus, Sileri: “Quarantena fino a 7 giorni. Ho fatto richiesta”

La possibilità ridotta dell’isolamento dei positivi, “per i quali andrebbe comunque bene un solo tampone negativo” e che non va confusa “con la quarantena dei contatti”, è stata sottoposta da Sileri al vaglio del Comitato tecnico-scientifico (Cts), che dovrà adesso fornire una risposta.

“Alcune persone restano isolate anche per un mese e mezzo quando poi la loro carica virale è bassa. Questa varia da soggetto a soggetto, al di là di possibili mutamenti del virus. Avere valore discriminante sulla carica virale sarebbe d’ausilio per chi è ad alto rischio di trasmissione, ma nella convivenza col virus questo è un passo fondamentale”, ha poi aggiunto.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it