Arrivano le proiezioni sui risultati delle elezioni regionali in Puglia. Il governatore uscente, Michele Emiliano, candidato del centrosinistra, risulta in vantaggio al 46%. Il principale sfidante, il candidato del centrodestra, Raffaele Fitto, è dato al 40,1%. Antonella Laricchia, in corsa con il Movimento Cinque Stelle, è invece al 10,4%. Dagli exit poll diffusi alle 15 del pomeriggio, alla chiusura dei seggi, emergeva un netto testa a testa tra il candidato del centrosinistra, il governatore uscente Emiliano, e il centrodestra, l’europarlamentare Fitto. Entrambi infatti erano dati in una forbice tra il 39 e il 43%.

Sono oltre 3,5 milioni i pugliesi che hanno diritto al voto, compresi coloro che vivono all’estero. I seggi sono rimasti aperti fino alle 15, poi è incominciato lo spoglio dei voti. Otto i candidati che si sono sfidati in questa tornata elettorale.

Ieri e oggi, domenica 21 e lunedì 22 settembre 2020, i cittadini pugliesi sono stati chiamati a esprimersi non soltanto per il rinnovo del consiglio regionale e del ruolo di governatore, ma anche per il referendum sul taglio dei parlamentari e in 49 comuni per il primo turno delle elezioni amministrative

ALLE 23 L’AFFLUENZA SOTTO IL 40%

Nella prima giornata di voto, fino alle ore 23:00 di ieri, in Puglia per le elezioni regionali aveva votato il 39,89% degli aventi diritto, secondo i dati del ministero dell’Interno. La provincia con la maggiore affluenza ieri è stata la Bat con il 42,61%, segue Lecce con 41,05%, poi Bari 40,92%, Brindisi 38,7%, Taranto 38,53% e Foggia 36,54%. C’è stata una maggiore partecipazione per il quesito referendario: l’affluenza infatti è stata del 43,74%. Inoltre, per i pochi Comuni al voto, ha raggiunto il 49,09%.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it