Sarà la campagna elettorale più lunga della storia. Al momento ci sono ancora due formazioni alla ricerca di un candidato sindaco e sono il centro destra e i cinque stelle. Ieri doveva esserci un tavolo a Napoli per decidere chi tra Maisto e Sequino possa spuntarla ma e’ stato rinviato. Sul primo puntano i segretari di partito locali e sul secondo invece oltre ad Anna Russo e Francesco Aprovitola spinge Armando Cesaro che dopo aver fatto un passo indietro alle regionali vorrebbe dire la sua a Giugliano. 

L’INCONTRO PUBBLICO CON MAISTO

Ieri i sostenitori di Maisto hanno fatto vedere i muscoli e si sono mostrati in città con il loro candidato. Tanti i presenti da Bifaro ad Ascione, da Carleo a Carlea fino a Pietro Ciccarelli, Michele Diana e Andrea Guarino.  Sul fronte cinque stelle nessuna novità restano fermi al palo. Non si capisce chi li guiderà e a questo punto potrebbe essere messa in discussione anche la presentazione della lista. 

Gongola su queste divisioni Antonio Poziello, pronto ad accogliere tra le due fila tutti gli scontenti che potrebbero abbracciare la sua colazione civica: a suo dire vanta già otto liste e mezzo. Pirozzi invece ieri ai nostri microfoni dopo lo scontro perenne di questi anni cerca di abbassare i toni e lancia ramoscelli di ulivo a Poziello e ha chiarito anche la sua posizione sulla fascia costiera.

A puntare invece il dito è Arianna Organo di Potere al Popolo che ha chiosato “per anni siamo stati gestiti dalla munnezza della gente, è ora di cambiare” 



continua a leggere su Teleclubitalia.it