Coronavirus quando seconda ondata di contagi?

Quando arriva la seconda ondata di contagi? O meglio, potrebbe ritornare il Coronavirus? E’ una domanda che si chiedono in tanti, in particolare nell’ultimo periodo, dopo gli ultimi focolai scoperti in varie regione d’Italia, Campania compresa.

Difficile prevedere che cosa accadrà e gli scenari ai quali prepararsi sono due: tanti focolai da circoscrivere e bloccare in fretta, in quella che potrebbe diventare una sorta di routine nella convivenza con il virus, oppure il dilagare dei casi a macchia d’olio e di conseguenza l’arrivo di una nuova ondata, probabilmente dopo il fallimento dei tentatici di spegnere i focolai.

inlineadv

L’Oms non ha dubbi

Secondo l’OMS, (Organizzazione mondiale della sanità) Covid-19 tornerà a colpire. “Ancora oggi abbiamo picchi di contagi nella prima ondata in molti Paesi. Siamo ancora nella prima ondata, ma dobbiamo prepararci per l’autunno, quando Covid-19 incontrerà influenza stagionale e polmoniti. Il virus circola ancora attivamente, e non abbiamo farmaci e vaccini specifici efficaci”.

Coronavirus come la Spagnola

L’ipotesi, quindi, di una seconda ondata non è da escludere. Il Covid-19 è stato spesso paragonato alla Spagnola, la terribile pandemia di influenza che nel 1918 uccise 50 milioni di persone. Anche in quel caso la una seconda ondata, fu molto più letale rispetto alla prima.

Che possa esserci una seconda ondata anche per la Covid-19 non è affatto certo, ma secondo Horton, non bisogna farsi cogliere impreparati. Cita la Spagnola anche il direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Ranieri Guerra: l’epidemia Covid «si sta comportando come avevamo ipotizzato», osserva, e «il paragone è con la Spagnola, che si comportò esattamente come la Covid: andò giù in estate e riprese ferocemente a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti durante la seconda ondata».

Oggi, comunque, la situazione è molto diversa da allora e la scommessa più grande è riuscire a contrastare la seconda ondata sul nascere.

Covid, studio prevede seconda ondata in 10 Paesi

Come emerge da alcuni studi del Guardian e dell’Università di Oxford ci sono paesi che rischiano una seconda ondata di epidemia. Fra questi Paesi, ci sono gli Stati Uniti, l’Iran, Arabia Saudita, la Germania e la Svizzera, ma non l’Italia.

related