Pozzuoli, truffa del tampone a domicilio: l’allarme del sindaco


Pozzuoli. Falsi tamponi a domicilio in cambio di soldi. Anche in tempi di Coronavirus si trovano nuove escamotage per truffare le persone. A Pozzuoli, ignoti hanno tentato la cosiddetta “truffa del tampone” ai danni dei cittadini. I truffatori chiamano sul telefono di casa, al cellulare o addirittura direttamente al citofono con la scusa di effettuare un tampone,

Pozzuoli, truffa del tampone a domicilio: l’allarme del sindaco

Pozzuoli. Falsi tamponi a domicilio in cambio di soldi. Anche in tempi di Coronavirus si trovano nuove escamotage per truffare le persone.

A Pozzuoli, ignoti hanno tentato la cosiddetta “truffa del tampone” ai danni dei cittadini. I truffatori chiamano sul telefono di casa, al cellulare o addirittura direttamente al citofono con la scusa di effettuare un tampone, sostenendo che si tratti di una disposizione governativa.

L’allarme è stato lanciato dal sindaco del città puteolana, Vicenzo Figliolia, attraverso un post su Facebook: “Ignoti chiamano a casa, sui vostri cellulari o addirittura suonano al citofono, raccontando di dover venire presso il vostro domicilio per sottoporvi a tampone, e chiedono un pagamento”, scrive il primo cittadino.

Spiegano – continua Figliolia su Facebook –  che passeranno a fare il tampone a tutti perché così è stato disposto: È FALSO. Nessuno è autorizzato a fare questo! Se vi chiamano allertate subito le forze dell’ordine – carabinieri, polizia, guardia di finanza e vigili urbani. Per favore avvisate tutti i vostri parenti, amici e soprattutto gli anziani. È una truffa messa in campo da sciacalli!”, conclude nel post. 

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.