Equitalia, cartelle non pagate? Il Fisco potrà prelevare i soldi direttamente dal conto corrente

Equitalia, cartelle non pagate? Il Fisco potrà prelevare i soldi direttamente dal conto corrente

Equitalia. Cartelle non pagate? Ora il Fisco potrà prelevare i soldi direttamente dal conto corrente per recuperare le somme necessarie. La “nuova” Equitalia potrà pignorare direttamente i conti correnti per tutte le cartelle non pagate. Multe, ma anche contributi Inps, bolli auto e le tante tasse da versare. Mentre prima Equitalia poteva solo ricevere informazioni sul numero di conti correnti intestati al contribuente, ora invece, potrà vedere anche le somme contenute nei conti correnti.

Leggi anche >> Reddito di cittadinanza, Inps sospende pagamenti 

Equitalia, ecco come avviene il pignoramento

Anche se non occorre il via libera giudiziario, il recupero coattivo non sarà immediato e automatico. Prima di tutto il contribuente riceverà avvisi e solleciti di pagamento. Poi avrà 60 giorni di tempo per mettersi in regola o versando subito l’intero importo, o chiedendo di rateizzarlo oppure facendo ricorso. Solo trascorsi i 60 giorni senza che venga intrapresa una di queste azioni, Equitalia potrà passare al pignoramento del conto corrente.

La stessa società di riscossione ci ha tenuto a precisare che “La norma sui pignoramenti senza ricorso al giudice è in vigore già dal 2005” e che comunque il pignoramento viene usato come ultima ratio. Che cosa cambia allora? La novità non consiste nella possibilità di pignoramento del conto corrente senza passare dall’autorità giudiziaria da parte di Equitalia, ma nella maggiore quantità di informazioni sui consumatori a cui il riscossore potrà accedere e che prima, invece, era riservata solo all’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche >> Reddito di cittadinanza, tutte le novità: a chi spetta?

Cartelle Equitalia, il cambiamento

Un cambiamento che preoccupa non poco le associazioni di consumatori, che sono sul piede di guerra. “Siamo soltanto di fronte a un netto peggioramento delle garanzie dei contribuenti di fronte ai Dracula del Fisco”, ha commentato Elio Lannutti, presidente dell’Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari, Finanziari, Assicurativi). L’agenzia di riscossione prova a rassicurare i contribuenti: grazie all’integrazione tra Equitalia e Agenzia delle Entrate, i pignoramenti saranno “mirati” e limitati al minimo. Quindi nel caso di più conti correnti, il Fisco punterà solo a quello che consente di soddisfare gli importi contestati.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.