loredana berté età oggi canzoni marito figli vita privata sanremo

Chi è Loredana Bertè, una delle cantanti più famose del pop italiano? Quanti anni ha? Com’è oggi? Quali sono le canzoni che l’ha consacrata al successo? E ancora: qual è la sua vita privata? Ha superato il lutto per la morte della sorella Mia Martini?

Chi è Loredana Bertè, età e biografia

Loredana Carmela Rosaria Bertè nasce il 20 settembre 1950 a Bagnara Calabra, in provincia di Reggio Calabria. Ha dunque 70 anni. Viene alla luce esattamente lo stesso giorno della sorella Mia Martina, ma tre anni dopo. I genitori sono insegnanti. Il padre, Giuseppe Radames Bertè (1921–2017), professore di latino e greco. La madre, Maria Salvina Dato (1925–2003) maestra elementare. La coppia ha avuto altre due figlie: Leda (nata il 1º gennaio 1946) e Olivia (nata il 28 gennaio 1958).

inlineadv

Non sono mai state rilasciate molte informazioni sull’infanzia di Loredana. Per molti anni la cantante non ha mai fatto pubblicamente alcun cenno ai primi anni della sua vita. Un anno dopo la morte della sorella, la Bertè si sfoga in un memoriale sulle pagine del settimanale Oggi, dove per la prima volta ricorda la difficile situazione familiare: un padre violento e una madre assente che non amavano le figlie e imponevano loro una rigida disciplina. Da queste difficoltà, secondo Loredana, sarebbero derivate anche le difficoltà e le fragilità psicologiche di Mia, morta suicida.

I primi passi

Un passo decisivo nella sua vita sarà costituito dalla separazione dei genitori, che avviene nel 1962. Nel 1965, Loredana si trasferisce a Roma insieme alla madre e alle sorelle. “Il periodo di Roma è stato il più felice della mia vita”, dichiarerà moltissimi anni dopo. Proprio nella Capitale inizia a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo come ballerina al “Piper Club” (dove conosce Renato Fiacchini, successivamente affermatosi con lo pseudonimo di Renato Zero).

Nel 1966 entra nel gruppo di ballo dei Collettoni e Collettini, che accompagnavano Rita Pavone nei suoi spettacoli, iniziando così a lavorare con il regista Gino Landi e il coreografo Don Lurio in trasmissioni come Partitissima e Canzonissima. Iniziano anche le prime esibizioni dal vivo con Renato Zero, in cui uniscono il canto, la danza e il mimo.

Di ritorno da una tournée messicana con il gruppo di ballo che accompagna Rita Pavone, a New York assiste a una rappresentazione del musical Hair: decide di presentarsi ai provini per la messa in scena del relativo allestimento italiano, a cui infine prende parte ottenendo il ruolo di Jeanie (che in una scena appare completamente nuda); la Bertè partecipa anche alla realizzazione del disco, come corista e come voce solista in un brano.

Il successo e le canzoni

La consacrazione discografica arriverà a metà degli anni ’70. Nel 1975 pubblica “Sei bellissima”, canzone che esalta le sue capacità vocali ed espressive, divenuta nel tempo un vero e proprio classico della musica italiana e ancora oggi molto ascolta e apprezzata. Scritta da Claudio Daiano per il testo e da Gian Pietro Felisatti per la musica, Sei bellissima viene arrangiata da Vince Tempera, ispiratosi a Bella senz’anima di Riccardo Cocciante.

Nel 1979 è di nuovo in classifica con  “E la luna bussò”, hit scritta da Daniele Pace, Oscar Avogadro e dal produttore Mario Lavezzi, con cui viene definitivamente legittimato il reggae in Italia. Accolto positivamente anche in vari paesi europei e sudamericani, il singolo giunge sino al 6º posto della hit-parade italiana, rimanendo in classifica per ventidue settimane consecutive e trainando l’intero album Bandabertè. La Berté viene conosciuta e apprezzata anche in altri paesi, come Germania e Francia.

Altro successo arriva nel 1983, quando la cantante incide “Il mare d’inverno” scritta da Enrico Ruggeri, una delle prove più importanti della sua carriera d’interprete, racchiusa nell’album Jazz, che segna il passaggio alla multinazionale CBS, bissando il successo del precedente Traslocando e spingendosi sino al 4º posto della top-ten degli LP più venduti. Si tratta del il lavoro di maggior successo commerciale della Bertè. Seguiranno poi partecipazioni a Sanremo, spesso accolte tra le polemiche.

Bertè, la morte della sorella di Mia Martini

Proprio pochi mesi dopo una sua partecipazione a Sanremo, arriva la tragica notizia della morte della sorella, Mia Martini. Nel 1995 propone al Festival la canzone Angeli&angeli, che però non riesce a bissare il successo di Amici non ne ho. Nel mese di maggio dello stesso anno, avviene la tragica morte della sorella, evento che segnerà la vita della Bertè e che sarà il motivo ricorrente di ispirazione per le opere future.

Proprio negli anni immediatamente precedenti alla tragedia, le due sorelle si erano riavvicinate dopo anni di rancori e allontanamenti. Le ipotesi di suicidio di Mia succedutesi nei giorni seguenti il ritrovamento del cadavere sono state più volte smentite dalle sorelle. Alcuni anni dopo Olivia, la minore delle Berté, definì addirittura “stupendo” l’ultimo periodo di vita della cantante, sia dal punto di vista degli impegni professionali che per quanto riguarda l’ambito familiare. A stroncarla, secondo il referto dell’autopsia, fu un’overdose da cocaina.

Vita privata, marito e figli

Loredana Bertè non ha figli. E’ stata sposata, ma è single ormai da 25 anni. La sua storia con l’ex marito, Bjorn Borg, è stata molto travagliata. Si è sposata il 5 settembre 1989. Ma non ha mai avuto un rapporto idilliaco né con Borg né con la stampa svedese né con la famiglia di lui. Come racconta Bertè in diverse interviste. Tentò il suicidio, ma lo fece per un gioco d’amore con Borg: “Il rapporto tra me e Björn era ormai entrato in una spirale stranissima, fatta di giochi audaci. (…) Finché quella notte, per dimostrargli il mio amore, ho ingoiato un tubetto degli stessi tranquillanti che aveva preso lui. Poi, quando mi sono accorta che mi stavo addormentando, ho chiamato un amico suo: “Dì a Bjorn che gli voglio bene”. Lui ha capito, ha chiamato la polizia che ha sfondato la finestra e mi ha salvato.”

related