Australia, 10.000 cammelli saranno abbattuti da cecchini in elicottero: “Bevono troppa acqua”

Australia, 10.000 cammelli saranno abbattuti da cecchini in elicottero: “Bevono troppa acqua”

Un’altra triste pagina si aggiunge a quella dei numerosi incendi che stanno devastando l’Australia.

Dai 5 ai 10mila cammelli selvatici nell’Australia Meridionale saranno abbattuti dai tiratori professionisti in elicotteri. Accadrà già da domani su ordine del capo della comunità degli aborigeni di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara. L’obiettivo è impedire agli animali di consumare l’acqua nella regione devastata dalla siccità. L’abbattimento dovrebbe durare cinque giorni, la comunità si lamenta che gli animali invadono le proprietà in cerca di acqua.

Le lamentele

I locali si sono infatti lamentati del fatto che gli animali stiano entrando nelle loro comunità e devastando tutto in cerca di acqua. «Siamo bloccati in condizioni di caldo estremo, non stiamo bene, perché i cammelli vengono qui, buttano giù le recinzioni e cercano di prenderci l’acqua» hanno spiegato.

Il riscaldamento globale

Un altro motivo che ha spinto verso la decisione di abbattere cammelli e dromedari assetati riguarda le loro elevate emissioni di gas serra, che contribuirebbero al riscaldamento globale quanto una tonnellata di anidride carbonica. Inoltre, il gran numero di animali che per sete, fame o malattie muoiono genera ulteriori problemi.

Un miliardo di animali morti

Secondo le ultime stime del Wwf Australia oltre un miliardo di animali potrebbero essere stati uccisi direttamente o indirettamente dagli incendi. “Un bilancio che può essere descritto con una sola parola: apocalisse. Si tratta di una perdita straziante, che comprende migliaia di preziosi koala della costa centro-nord del New South Wales, insieme ad altre specie iconiche come canguri, wallaby, petauri, cacatua, potoroo e uccelli melifagi”.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.