Giugliano. Sosta a pagamento ancora sospesa, ritardi per la nuova ditta e incertezza per i lavoratori


Giugliano. Lungaggini e ritardi nel servizio di sosta a pagamento. Da mesi la città vive una situazione difficile dal punto di vista della viabilità con le ‘strisce blu’ sospese da inizio 2019. Dopo i problemi con la ex ditta e la rescissione contrattuale, si sono registrati altri intoppi con la nuova gara. Una delle ditte

Giugliano. Sosta a pagamento ancora sospesa, ritardi per la nuova ditta e incertezza per i lavoratori

Giugliano. Lungaggini e ritardi nel servizio di sosta a pagamento. Da mesi la città vive una situazione difficile dal punto di vista della viabilità con le ‘strisce blu’ sospese da inizio 2019. Dopo i problemi con la ex ditta e la rescissione contrattuale, si sono registrati altri intoppi con la nuova gara. Una delle ditte escluse aveva infatti presentato ricorso al Tar ma i giudici amministrativi già lo scorso maggio avevano dato il via libera alla aggiudicataria Piparking srl, ditta che dovrà gestire la sosta a pagamento a Giugliano nei prossimi 5 anni.

Ad oggi però il servizio resta sospeso e non è chiaro quando ripartirà. I parcometri devono essere sostituiti ma al momento i vecchi dispositivi non sono stati rimossi ed anche i 20 dipendenti non conoscono il loro futuro. Una delegazione di ausiliari del traffico è stata ricevuta nel corso di questa settimana al Comune di Giugliano da parte del sindaco Antonio Poziello. Il cantiere resta però fermo e non c’è ancora una data per la partenza. Secondo indiscrezioni, l’amministrazione comunale starebbe spingendo per riattivare il servizio già a luglio in modo da limitare le mancate entrate per le casse comunali e riportare un po’ di ordine nella viabilità cittadina. I dipendenti che hanno operato fino a qualche mese fa non sono stati convocati e c’è incertezza per il futuro. A quanto pare potrebbe esserci una partenza a ranghi ridotti, con i parchimetri già esistenti in attesa dei nuovi e personale limitato che dovrebbe iniziare a controllare solo alcune zone del centro e non tutti i 1200 stalli previsti dal capitolato di gara. Poi a settembre si potrebbe andare a pieno regime.

Ipotesi che però al momento non trovano una conferma ufficiale mentre per la sosta in città restano i problemi, con annessi i mancati introiti per il Comune, e 20 lavoratori attendono di capire il loro futuro e che le garanzie contrattuali che proporrà la nuova ditta.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.