Napoli, arrestato il killer di Noemi: in manette anche il complice che ha protetto la latitanza

Napoli, arrestato il killer di Noemi: in manette anche il complice che ha protetto la latitanza

Due arresti in mattinata all’alba a Napoli per gli spari in piazza Nazionale. In manette il killer che ha ridotto in fin di vita la piccola Noemi, la bimba di 4 anni ricoverata all’ospedale Santobono di Napoli. In carcere anche il complice che l’ha coperto in questi giorni di latitanza.

A darne notizia in anteprima e il sito Fanpage.it. A seguito di indagini flash, la Procura, con l’ausilio dei carabinieri e della Polizia, aveva già identificato e ricostruito l’identikit dell’autore dell’agguato in piazza nazionale, grazie ai filmati della sorveglianza. Alle prime luci del giorno di oggi si è arrivati all’arresto.

Ricostruita anche la rete di protezione della quale ha potuto godere l’autore dell’agguato a Salvatore Nurcaro. In questi giorni, infatti, l’uomo “nero” che si intravede nella immagini delle telecamere di videosorveglianza ha potuto contare sull’appoggio di un fedelissimo che l’ha protetto. Adesso sarà da chiarire la dinamica è capire se il raid in piazza sia inquadrabile nell’ambito della faida di camorra o della vendetta privata.

LEGGI ANCHE:

Napoli, arrestato chi ha sparato a Noemi: il nome e la foto

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.