uccisione ruggiero faida camorra melito marano amato pagano arrestati killer

Blitz a Melito. La Squadra Mobile della Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto il carcere per 4 indagati, emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili sia dell’omicidio di Antonio Ruggiero (nella foto) che di quello Andrea Castello, avvenuti a Melito rispettivamente il 13 ed il 14 marzo 2014.

Le attività di indagine, fondate su dichiarazioni di collaboratori di giustizia, intercettazioni ed un’ampia messe di riscontri, hanno consentito di ricostruire mandanti ed esecutori dell’omicidio per lupara bianca di Antonio Ruggiero, il cui cadavere veniva distrutto, nonché dell’omicidio, verificatosi il giorno seguente, di Andrea Castello, rimasto ucciso nell’azione di fuoco diretta all’eliminazione sua e di Castrese Ruggiero, nipote di Antonio Ruggiero, che invece sfuggiva all’agguato.

Si tratta due episodi che si inquadrano nella lotta intestina al clan Amato-Pagano, scatenatasi all’indomani della cattura di Mariano Riccio, sino a quel momento capo del clan,  per eliminare fisicamente i suoi fedelissimi (c.d. maranesi), in un’epurazione voluta e messa in atto da membri della componente che faceva riferimento agli Amato (c.d. melitesi).

LEGGI ANCHE:

Marano, i misteri della scomparsa di Antonio Ruggiero e l’appello della famiglia

continua a leggere su Teleclubitalia.it