Giocano in casa con l’accendino: 5 fratellini bruciati vivi

Giocano in casa con l’accendino: 5 fratellini bruciati vivi

Cinque fratellini sono morti nell’incendio divampato nella loro abitazione a Manila, capitale delle Filippine. La Polizia locale ha fatto sapere che si è trattato di un gioco finito male. I piccoli stavano infatti giocando in casa con un accendino, intenti a bruciare alcuni vestiti. Le giovanissime vittime, di 1, 4, 5 7 e 12 anni, sono morte per soffocamento e inalazione da fumo.

Solo un bambino di 9 anni è riuscito a mettersi miracolosamente in salvo, raccontando poi la sua versione dei fatti. Al momento dell’incendio pare che il padre fosse al lavoro e che la madre fosse uscita a fare la spesa. La donna ha chiuso la porta dall’esterno per evitare che i figli piccoli potessero uscire. Ma è stato proprio questo gesto di protezione ad uccidere i piccoli, creando appunto una trappola mortale.

L’incendio è divampato in una zona con oltre 40 abitazioni, abitata da circa 300 famiglie. Almeno altre sei persone hanno infatti subito lesioni più o meno gravi. Tra l’altro non è il primo episodio simile verificatosi in quel distretto. Nel febbraio dello scorso anno infatti un altro incendio lasciò oltre 15 mila persone senza casa.

 



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.