Giugliano, scarcerato il tabaccaio di via Cumana accusato di ricettazione

Giugliano, scarcerato il tabaccaio di via Cumana accusato di ricettazione

Giugliano. Scarcerato Luigi Mastrantuono, il tabaccaio di via Cumana finito ai domiciliari con l’accusa di ricettazione. Il 39enne è indagato nell’inchiesta sulla banda dedita a furti e rapine sgominata lo scorso 29 marzo dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe con 19 arresti.

Il 39enne è accusato di ricettazione perché – secondo gli investigatori – avrebbe acquistato 270 pacchetti di sigarette rubati dalla banda durante una rapina commessa al bar tabacchi di via San Vito a Giugliano. In quel colpo, avvenuto il 21 maggio 2016, cinque persone entrarono in azione minacciando il titolare con una pistola e portando via merce per un valore complessivo di 2000 euro. Il Tribunale del Riesame ora ha deciso però la scarcerazione di Mastrantuono per “carenza della gravità indiziaria”. Le accuse nei confronti del tabaccaio, quindi, non sono state ancora accertate.