Gomorra, pizzo versato al clan per girare nella villa del boss: condannato il manager

Gomorra, pizzo versato al clan per girare nella villa del boss: condannato il manager

Soldi al boss per la serie Gomorra. Condannato il location manager, assolto l’altro referente della casa cinematografica. Questo il verdetto del processo a carico dei due manager della produzione di Gomorra accusati di favoreggiamento. Per Gennaro Aquino è arrivata la condanna a 6 mesi con pena sospesa, mentre Gianluca Arcopinto è stato assolto perché il fatto non sussiste.

Per il giudice, la produzione sapeva della richiesta di denaro e avrebbe optato per il pagamento della somma. In pratica, le scene di casa Savastano, il boss della fiction, sono state girate nella casa di un vero boss Francesco Gallo, detto ‘o pisiello, di Torre Annunziata, che dal carcere avrebbe preteso il pagamento dell’affitto della sua abitazione, sebbene questa fosse sottoposta a sequestro. I soldi avrebbero dovuti essere consegnati in contanti al padre Raffaele zì Filuccio Gallo. E una rata da 6 mila euro gli fu effettivamente recapitata, versata a quanto pare proprio dalla produzione della fiction.