Napoli, non c’è pace per l’albero di Natale in Galleria: di nuovo abbattuto e subito rialzato

Napoli, non c’è pace per l’albero di Natale in Galleria: di nuovo abbattuto e subito rialzato

Napoli. “Nonostante il nostro presidio, fino a oltre mezzanotte del 25 dicembre, le baby gang hanno nuovamente abbattuto l’albero di Natale nella Galleria Umberto di Napoli”. A darne notizia il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, insieme a Gianni Simioli de La radiazza, con il contributo fondamentale di Massimiliano Rosati, patròn del Gambrinus, aveva promosso il ritorno dell’albero in Galleria

“La prima notte successiva all’addobbo dell’albero, le baby gang l’avevano tagliato e portato via ma, nelle ore successive, i Carabinieri l’avevano ritrovato nei Quartieri spagnoli e l’avevamo riportato al suo posto” aggiunge Borrelli sottolineando che “l’albero è stato già rialzato, grazie all’aiuto dei passanti, perché noi e la parte sana della città non ci arrendiamo alla violenza e alla prepotenza di chi si crede padrone della Galleria Umberto, trasformandola, nella migliore delle occasioni, in un campo di calcio improvvisato”.

“Purtroppo dobbiamo continuare a fare i conti con la violenza delle baby gang contro le quali ancora non c’è, a nostro avviso, la necessaria attenzione. Da tempo e senza successo chiediamo al Prefetto di convocare una riunione monotematica del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica sul fenomeno baby gang” ha concluso Borrelli per il quale “è importante la reazione dei napoletani che hanno subito rialzato l’albero, cosa mai successa prima, perché è il segno che c’è voglia di ribellarsi alla violenza e alla prepotenza”.