asse mediano truffa del sasso aversa frignano

L’Asse Mediano continua ad essere teatro di raid e truffe ai danni degli automobilisti. L’ennesima azione criminale vede protagonista una banda di malviventi a bordo di una Opel corsa di colore grigio.

Asse mediano, torna la truffa del sasso: vittima una donna

Così come riporta Edizione Caserta, il tratto interessato questa volta è quello compreso tra le uscite di Aversa Sud e Frignano/Casaluce. Secondo una prima ricostruzione, due malintenzionati su una Opel Corsa si sono affiancati a un’utilitaria condotta da una donna e hanno lanciato dei sassi contro la carrozzeria della vettura.

La vittima, accortasi del tentativo di truffa, ha premuto il piede sull’acceleratore e si è allontanata senza arrestare la sua corsa. La situazione è poi degenerata: i malviventi, infatti, si sono dati all’inseguimento e hanno speronato l’auto della donna rischiando di mandarla fuori strada. L’automobilista è riuscita a mantenere i nervi saldi e a scappare senza perdere il controllo del veicolo. Tornata a casa, ancora sotto choc, ha sporto denuncia ai carabinieri.

Come funziona la truffa

La truffa del sasso si consuma da anni sempre con la stessa modalità. Viene lanciata una pietra contro la portiera della macchina in movimento. Colto di sorpresa dal rumore, il malcapitato alla guida teme che si tratti di un incidente e si ferma nei pressi di una piazzola di sosta. A quel punto i malviventi entrano in azione: costeggiano per rapinare la vittima. Uno sale sull’auto dell’automobilista e scappa, mentre l’altro distrae il malcapitato per poi ripartire sull’auto mediante la quale è stata perpetrata la truffa.

continua a leggere su Teleclubitalia.it