“Condivido con don Maurizio Patriciello il suo disagio. I preti sono continuamente in contatto con la realtà. Avere una scorta significa essere protetti ed essere accompagnati nella società”. Così il Monsignor Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, commentando la decisione della Prefettura di affidare la scorta a don Patriciello, dopo che una bomba fu fatta esplodere all’esterno della chiesa del Parco Verde di Caivano.

Scorta per don Patriciello, Monsignor Spinillo a Teleclubitalia: “Segno di una società poco serena”

Secondo l’episcopo, intervenuto a Campania Oggi in onda su Teleclubitalia, la misura di protezione è un limite, perché “fa da filtro nel rapporto tra il prete e i fedeli ma è anche il segno di una realtà sociale che non è serena e che rischia di confondere il male con il bene”, ha aggiunto.

A chi minaccia vorrei dire di cambiare vita e modo di pensare – ha proseguito il Monsignor Spinillo -. Sfruttare e dominare per possedere il disagio delle persone è davvero ciò che fa male alla società. Non solo è un peccato che fa male a Dio e a tutta l’umanità, ma non è neanche un vantaggio a chi pensa che lo sia”.

Alla domanda se lo Stato dovrebbe fare di più per tutelare la comunità e combattere la criminalità organizzata, il Vescovo di Aversa risponde: “Lo Stato può intervenire con mezzi di controllo, come i presidi delle forze dell’ordine, per tenere a distanza chi si disperde nel male, ma noi dovremmo essere attenti a promuovere il territorio”.

“Solo attraverso il dialogo – ha aggiunto il capo della diocesi di Aversa – può migliorare la condizione di tutti. L’aiuto dello Stato è sicuramente una sicurezza in più per i cittadini, ma dovremmo poter lavorare tutti, come don Maurizio, affinché possa crescere la consapevolezza e il senso della propria dignità che non si ottiene attraverso la prepotenza”.

Monsignor Spinillo positivo al Covid-19: “Sto bene”

Il Monsignor Angelo Spinillo ha contratto il Covid-19. Di recente si è sottoposto a un tampone di controllo che dato purtroppo esito positivo. Durante la trasmissione ha rassicurato i telespettatori circa le sue condizioni di salute. “Sto bene, ho solo un po’ di raffreddore e mal di testa. Ma sono tutti sintomi sopportabili”, ha sottolineato.

continua a leggere su Teleclubitalia.it