scampia sparatoria melissa bassi isis

Emergono nuovi dettagli sulla sparatoria avvenuta questa mattina all’orario di ingresso fuori l’istituto Melissa Bassi ISIS di viale della Resistenza a Scampia. La vittima di quella che sembra una spedizione punitiva è stato uno studente del secondo anno.

Scampia, botte e colpi di pistola fuori scuola

Sono le 8 circa quando due ragazzi a bordo di uno scooter prendono di mira un coetaneo: prima lo riempiono di botte, poi si allontanano da via della Resistenza esplodendo dei colpi di pistola, presumibilmente partiti da una scacciacani. Si scatena il caos, fuggi-fuggi di genitori e studenti. Momenti di paura. Subito dopo arrivano diverse Volanti della Polizia di Stato del locale Commissariato. Non ci sarebbero feriti anche se non si conoscono le condizioni del giovanissimo vittima del pestaggio.

Ragazza contesa e like su Instagram

Secondo quanto apprende Teleclubitalia, alla base della spedizione punitiva partita contro lo studente dell’Istituto Melissa Bassi ci sarebbe una ragazza contesa. La vittima avrebbe avuto una storiella di pochi giorni con la fidanzatina di un altro giovanissimo. Una vicenda di gelosia alimentata poi da alcuni like su Instagram che avrebbero mandato su tutte le furie il fidanzato della minorenne.

Da qui il raid di questa mattina: due giovani con volto coperto sono piombati fuori scuola, hanno malmenato lo studente e poi sono schizzati via a bordo di uno scooter inscenando una sparatoria. Una scena da far west, di microcriminalità giovanile, che mette i brividi per le modalità in cui è avvenuta e per l’età dei protagonisti coinvolti. Saranno gli agenti di Polizia e la Procura a ricostruire esattamente le responsabilità e a identificare i responsabili.

continua a leggere su Teleclubitalia.it