lite sportello bancomat reddito di cittadinanza

Non è chiaro dove sia successo. Dal video si vede uno sportello bancomat di una strada periferica, una donna in compagnia del marito impegnata in un prelievo di contanti e un uomo stufo di aspettare che sbotta. Dall’accento dei protagonisti è evidente però che sia successo a Napoli o in provincia. A scatenare l’alterco il fatto che l’anziana avrebbe “occupato” lo sportello Atm per prelevare danaro con diverse carte del reddito della cittadinanza.

Napoli, “occupa” bancomat per prelevare con 10 carte del reddito di cittadinanza: lite allo sportello

Il filmato è stato condiviso dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Siamo fuori a uno sportello Atm, si intravede una fila di persone in attesa. Un uomo in t-shirt bianca e pantaloncini scuri inveisce contro una donna in piedi che, a suo dire, impiegherebbe troppo tempo per effettuare le operazioni bancarie. Alle lamentele si sente lei replicare seccata: “Prima di me c’era una signora che ha fatto cinque prelievi. Ora tocca a me”.  “Questo litigio – spiega l’utente che ha girato il video al consigliere – sarebbe dovuto al fatto che la donna starebbe prelevando con 10 carte del reddito di cittadinanza. Ovviamente è totalmente illegale”.

Prelievi “multipli” con diverse carte del RdC, dunque, per eludere il limite imposto al prelievo mensile di contanti (100 euro per il singolo individuo. 140 euro per un nucleo familiare di due adulti. 180 euro per un nucleo familiare di due adulti e due figli minorenni). La scena documentata dal filmato ha scatenato sul web un’ondata di reazioni, per lo più negative. “E’ un offesa per chi si alza la mattina alle 5 per portare a fine mese 1300 euro a casa senza bonus senza pacco alimentare senza sconti sulle bollette, i veri poveri sono questi qui”, scrive Salvatore. “Ma come 10 carte? E mia madre che ne avrebbe bisogno gli è stato negato. Truffatori.. sicuro hanno pagato qualche persona non del tutto apposto e hanno approfittato facendogli fare il reddito”, il commento di Andrea.

continua a leggere su Teleclubitalia.it