salvatore onofaro parcheggiatori abusivi napoli juve

E’ polemica per un post diffuso dall’ex sindaco di Qualiano, Salvatore Onofaro. L’attuale presidente del consiglio comunale ha ammesso in una nota di aver pagato tre euro ai parcheggiatori abusivi in occasione della partita Napoli-Juventus. All’uscita, però, ha trovato il finestrino rotto e l’autoradio rubato.

Napoli, ex sindaco di Qualiano trova auto sfasciata dopo Napoli-Juventus

L’ex fascia tricolore si era recata allo stadio con i figli per assistere al match tra Napoli e Juventus. Al suo arrivo, ha pagato un parcheggiatore abusivo nella speranza di ritrovare all’uscita la sua auto custodita. Invece, nessuno si è occupato di sorvegliare la sua vettura e a fine partita ha ritrovato la macchina danneggiata da un malvivente.

“Questo é lo spettacolo che ho trovato domenica sera – ha scritto Onofaro, pubblicando in allegato alcune foto dell’auto – quando sono tornato a riprendere la macchina su Viale Kennedy. Avevamo pagato i nostri regolari tre euro a due parcheggiatori abusivi, avevamo gioito per la vittoria del Napoli. Volevamo solo tornare a casa sereni. Invece lo abbiamo fatto nel silenzio più totale. Semplicemente delusi da una parte di questa città e di un popolo che amo profondamente e che non smetterò mai di amare, sempre e comunque”.

Le reazioni

Non sono mancate le reazioni. Tra le tante quella del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che da tempo ha fatto della lotta ai parcheggiatori abusivi di Napoli una battaglia politica e personale. “Quello dell’ex sindaco Onofaro è davvero un pessimo esempio – ha dichiarato -. I Parcheggiatori abusivi, che sono degli estorsori, soprattutto quelli che gestiscono il parcheggio selvaggio ed abusivo nelle vicinanze dello stadio, vanno denunciati e non certo pagati. Come possiamo combattere il fenomeno del racket dei parcheggiatori abusivi se poi i primi a tollerarli sono alcuni rappresentanti delle istituzioni?”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it