La vita di Giuliano Margherita è appesa ad un filo. Il bambino di 14 anni, abbandonato dalla nascita e affetto da diversi problemi di salute, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Santobono di Napoli.

Giuliano è non vedente, ha perso parzialmente l’udito ed ha problemi respiratori. Di recente ha avuto “una grave crisi respiratoria, legata alle sue complicatissime condizioni di salute – spiega Antonello Velardi, sindaco di Marcianise, che è anche suo tutore – ed è stato sottoposto ad un intervento d’urgenza all’Ospedale Santobono di Napoli, dove è stato trasferito dalla struttura sanitaria che lo ha in cura”. Il primo cittadino del comune del Casertano ha lanciato un appello a tutti, chiedendo di pregare per lui, affinché il piccolo possa tornare alla vita che conduceva prima di finire in ospedale.

Napoli, abbandonato dalla nascita: il piccolo Giuliano è ricoverato in gravi condizioni al Santobono

Il bimbo, riporta Fanpage.it, fu abbandonato poco dopo il parto. Non aveva nome e gli furono dati quelli di Giuliano e Margherita, le prime due persone che lo trovarono in fasce accanto ad un bidone dell’immondizia. Fu adottato per legge dal sindaco di Marcianise che in tutti questi anni se n’è preso cura.

“Ho parlato con i medici – spiega Velardi – che non disperano ma non fanno alcuna previsione. Quale tutore, ho dato immediatamente il consenso a tutte le cure necessarie, compresa l’anestesia. Sul posto si stanno recando alcuni volontari di Marcianise, le nostre assessore stanno seguendo gli sviluppi: è molto triste che fuori la camera operatoria non ci sia nessuno mentre il piccolo combatte per la vita”

“Giuliano è stato preso in carico dalla rianimazione pediatrica: sono molto grato ai medici e ai chirurghi del Santobono che lo stanno seguendo. Gentilissimi, disponibili, umani. E sono molto grato ai sanitari e ai responsabili della struttura dove è ospitato che ci hanno subito avvertito del precipitare della situazione: hanno avuto grande premura in tutto. Chi può e vuole, faccia una preghiera”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it