“Il pareggio con la Roma mette Spalletti un po’ in difficoltà. Nessuno poteva immaginare che nel momento in cui si doveva fare il salto di qualità, fallisse in questo modo. Più che dei brontolii di De Laurentiis e dei fischi del pubblico, che pure sono legittimi, mi preoccuperei dell’analisi di queste ultime due gare di cui non ho molto apprezzato la gestione”. È l’opinione di mister Paolo Specchia, intervenuto a Club Napoli Night in onda su Teleclub Italia.

Mister Paolo Specchia: “Al Napoli manca gente con furore agonistico, la sola qualità non basta”

“Il Napoli non ha leader. Prima i giocatori di personalità si anteponevano agli allenatori. Oggi – ha sottolineato il tecnico – tra gli azzurri c’è uno scarso livello agonistico medio, non c’è gente che lotta con il furore agonistico, vedi Zielinski e in parte Fabian. Il polacco è un giocatore meraviglioso, lo stiamo aspettando da anni ma non ha mai inciso per lotta e continuità”.

Tuttavia, a cinque giornate dalla fine del campionato, “credo molto nelle due romane che potrebbero farci un favore. Ritengo – ha osservato Specchia – anche che sul piano degli infortuni si è andati forse un po’ oltre, abituati com’eravamo alla prevenzione di De Nicola. Comunque, va detto che Spalletti ha dato piglio alla squadra migliorando alcuni singoli come Osimhen e Lobotka e, soprattutto – ha concluso il mister – non mai avrei creduto che Napoli potesse competere per lo scudetto come sta invece accadendo”.

di Antonio Di Monaco

continua a leggere su Teleclubitalia.it