maddaloni bimbo ricoverato covid

Un virus insidioso, che sembra sparire per poi manifestarsi di nuovo in tutta la sua violenza. Questa volta il Covid-19 ha colpito un bambino di 16 mesi, affetto da febbre alta e convulsioni. Ricoverato in ospedale al Moscati di Avellino, le sue condizioni sembrano in miglioramento.

Maddaloni, bimbo di 16 mesi grave per Covid: ora migliora

Sembra la fine di un incubo. Il piccolo lo scorso 25 gennaio era risultato positivo al virus. Il bambino comincia dunque la sua quarantena che si interrompe il 3 febbraio, quando, al tampone antigenico effettuato dall’Asl presso il palazzetto dello Sport risulta negativo. Ma è solo un esito falso. Dieci giorni dopo il virus si ripresenta in maniera violenta: il minore accusa febbre alta, oltre i 39 gradi, sudorazione e convulsioni.

A quel punto i genitori – spiega Edizione Caserta – decidono di recarsi immediatamente al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta dove per accedere deve sottoporsi al tampone. Lì ha scoperta: il piccolo, che sembrava negativizzato, ha (ancora) il Covid-19. Viene così disposto nella serata di domenica il trasferimento al Moscati di Avellino: nel reparto il bambino risponde alle cure. Nella giornata di domani verrà sottoposto dal personale medico ad ulteriori esami per accertare gli eventuali danni prodotti dall’infezione. Ciò che temono i sanitari è il “long Covid” e il rischio che anche un prossimo tampone possa dare un falso esito negativo.

continua a leggere su Teleclubitalia.it