alessandro casillo morto succivo

Non ce l’ha fatta Alessandro Casillo, originario di Succivo, nell’agro aversano: il giovane padre di 41 anni è deceduto in un letto di ospedale a Napoli dopo aver lottato tra la vita e la morte per un mese a seguito di un incidente nel quale era rimasto coinvolto a bordo della sua moto. Lascia due bambine.

Secondo quanto ricostruito quel tragico giorno, Alessandro era a Pozzuoli e viaggiava in sella alla sua moticicletta quando una vettura gli avrebbe tagliato la strada sbalzandolo a terra. Scattarono subito i soccorsi: Casillo era anche vigile e rispondeva ai medici. Poi ci sono state delle complicazioni a causa di un ematoma alla testa che 7 giorni fa l’hanno costretto ad un coma irreversibile.

Il decesso è avvenuto martedì nel reparto di rianimazione.  Nonostante la disperazione e il dolore dei familiari, i parenti hanno deciso di donare gli organi. In un ultimo, grande gesto di umanità, tre persone potranno avere cuore, occhi e fegato di Alessandro. Nella giornata di ieri è tornato a casa e oggi pomeriggio, alle 15, ci sarà l’ultimo saluto nella Parrocchia della Trasfigurazione.

Foto: Casertanews.it

continua a leggere su Teleclubitalia.it