lorenzo insigne età altezza peso moglie figli stipendio

Lorenzo Insigne è un calciatore italiano, attaccante del Napoli, di cui è capitano, e della nazionale italiana. Ospite sabato 27 febbraio di C’è posta per te.

Insigne è nato a Napoli, cresciuto a Frattamaggiore, in provincia di Napoli, e ha tre fratelli, anche loro calciatori: Antonio, Roberto e Marco.

Lorenzo Insigne: età, altezza e peso

E’ nato a Napoli, il 4 giugno 1991. Ha 29 anni. E’ alto 1,63 cm e il suo peso è 59 chili.

Stipendio di Insigne, quanto guadagna

Il capitano del Napoli, Lorenzo Insigne, ha uno stipendio di 4,6 milioni netti a stagione risultando il secondo giocatore più pagato della squadra partenopea con un contratto in scadenza al 30 giugno 2022.

Un rinnovo con il Napoli porterebbe Insigne a diventare un simbolo come da sempre auspicato dal presidente, che ha visto di buon occhio sin dall’inizio della sua avventura in maglia azzurra per la capacità e la forza di questo giocatore di poter diventare una bandiera come lo è stato prima di lui Marek Hamsik.

La valutazione del calciatore su Transfermarkt.it è di 48 milioni di euro per il suo cartellino,

Moglie e figli di Insigne

E’ sposato con Genoveffa Darone. Lorenzo e Genoveffa sono sposati dal 31 dicembre 2012, in seguito a un fidanzamento di 7 mesi, ma è risaputo che i due stavano insieme già da giovanissimi. Dall’unione sono nati due bambini, Carmine e Christian, rispettivamente avuti nel 2013 e nel 2015.

Caratteristiche

Il suo ruolo originale era inizialmente quello dell’esterno offensivo sinistro nel 4-3-3 disegnato da Zdeněk Zeman durante la sua militanza nel Foggia e nel Pescara. Sebbene prediliga fungere da ala sinistra, è un giocatore tatticamente versatile, capace di svariare su tutto il fronte d’attacco, per poi convergere e calciare in porta. Nel corso degli anni ha notevolmente ampliato il proprio raggio d’azione, operando su tutto il versante offensivo come playmaker a supporto delle punte o come seconda punta.

Grazie alla sua ottima visione di gioco, contribuisce spesso all’azione di ripartenza con lanci in profondità, passaggi filtranti, rapide triangolazioni ed assist ai compagni.

Abile battitore di calci di punizione e buon rigorista, nonostante la bassa statura, dispone di un fisico compatto e gambe forti che, grazie al baricentro basso, gli permettono di imprimere grande potenza ai tiri a giro, sua dote migliore. Rapido nel fraseggio, elegante nei tocchi di palla e puntuale nell’anticipo, è dotato di un dribbling secco e fulmineo, di cui si serve per liberarsi della pressione fisica avversaria.

È considerato come uno dei migliori italiani dell’ultimo decennio buon finalizzatore, la sua rapidità gli consente di inserirsi negli spazi stretti, penetrare in area di rigore e dirigere le manovre d’attacco.

continua a leggere su Teleclubitalia.it