Questa mattina la Polizia Municipale di Giugliano è intervenuta sulla spiaggia libera di Licola, davanti piazza Cristoforo Colombo. Gli agenti hanno liberato l’arenile da alcune installazioni abusive come gazebo, lettini e sedie. A darne notizia il sindaco Nicola Pirozzi. “E’ partita un’operazione di bonifica delle spiagge – dice il primo cittadino –  Legalità e interesse collettivo. Nessun passo indietro, – aggiunge il primo cittadino – ma solo passi in avanti.” 

Questo resta uno dei pochi tratti completamente gratuiti per vivere il mare del litorale domitio-flegreo ma sono completamente assenti i servizi di base come bagni pubblici e docce, e resta il problema dei rifiuti abbandonati in spiaggia. Stamattina pochissime la persone presenti, nonostante la giornata di grande caldo. In molti probabilmente hanno evitato anche a causa del ritorno delle acque scure, probabilmente a causa di un’alga.  A denunciare la mancanza di attrezzature, anche il consigliere comunale di minoranza Giovanni Pirozzi. “Un mare di stupore” dice l’esponente di Forza Italia. Secondo la denuncia, infatti, sono spariti i servizi installati l’anno scorso con una spesa di 20mila euro:  6 doccette; 4 fontane lava piedi; pedana in pvc e sedia Job per disabili. 

“Perché quel minimo di servizi che erano stati garantiti ai cittadini di Licola mare non ci sono?” – chiede l’esponete di minoranza. “Era uno spot elettorale l’anno scorso o smentite iniziative messe in campo da voi stessi? Delle due opzioni sceglietene una, anche se non so quale sia la peggiore” conclude il consigliere chiedono più trasparenza all’amministrazione comunale.  La finestra sul mare di Giugliano resta quindi una landa desolata nonostante l’impegno di tanti cittadini e associazioni. Oggi è stata ripristinata la legalità ma restano gli appelli per valorizzare di più questa grande spiaggia libera, una grande risorsa ancora troppo trascurata. 

VIDEO:

continua a leggere su Teleclubitalia.it