giugliano prostituzione coronavirus

L’inviato di “Striscia La Notizia”, Luca Abete, ha documentato la prostituzione ai tempi del Covid-19 lungo la circumvallazione esterna, tra Giugliano e Qualiano. Sono decine le donne che si prostituiscono lungo la SP1. Aspettano i clienti agli svincoli, oppure a bordo carreggiata. Non indossano la mascherina e non temono di essere un veicolo di contagio.

Giugliano, prostituzione ai tempi del Covid: donne senza mascherina

Molti automobilisti ci hanno segnalato signorine mezze nude su strade a scorrimento veloce – scrive Luca Abete sulla sua fanpage – Le auto ferme rischiano di provocare incidenti alle altre che sopraggiungono. E come se non bastasse non indossano mascherine e, naturalmente, non possono rispettare le distanze con le persone con le quali si appartano”.

Le ragazze intervistate nel corso del servizio di Striscia La Notizia provengono quasi tutte dall’Est Europa. C’è chi risponde che “il virus è morto”. Chi dice che non può fare altrimenti perché ha bisogno di soldi. Sono tanti purtroppo gli automobilisti che si fermano per ottenere prestazioni sessuali, in barba ai divieti e alle norme di distanziamento sociale. La prostituzione potrebbe rappresentare uno dei tanti fattori di contagio nell’epidemia.

continua a leggere su Teleclubitalia.it