“Nessuno può arrestare Francesco Palma”. Avrebbe detto al telefono ai Carabinieri un 45enne di Giugliano, sottoposto ai domiciliari, che ha composto il numero della caserma da una tabaccheria. Pochi minuti dopo, però, l’uomo è finito in manette, per la seconda volta in un giorno.

Giugliano, blocca ingresso della caserma e si fa arrestare due volte in un giorno

Una vicenda che ha dell’incredibile, quella verificatasi nella Terza città della Campania. Tutto ha avuto inizio in caserma: l’uomo raggiunge la stazione dei Carabinieri di Viale dell’Acquario e parcheggia la sua auto proprio davanti alla porta carraia, bloccando l’ingresso. Il 45enne, già noto alle forze dell’ordine, rimane fermo nell’abitacolo, nonostante i clacson strombazzanti.

All’ennesima richiesta di un Carabiniere, Palma ingrana la retromarcia e colpisce l’auto privata di un altro militare che, in quel momento, doveva entrare in caserma per iniziare il suo turno. L’uomo viene poi arrestato e poi sottoposto ai domiciliari.

Dopo qualche ora, arriva una telefonata in caserma dal numero fisso di una tabaccheria di Giugliano. Dall’altra parte della cornetta c’è il 45enne che inizia a sbeffeggiare gli uomini della Benemerita, dicendo loro che nessuno sarebbe stato in grado di arrestarlo. Pochi minuti dopo, i militari riescono a rintracciare l’attività commerciale dalla quale è partita la telefonata: una volta all’interno, trovano Francesco Palma. Per lui, quindi, scattano per la seconda volta le manette: stavolta, però, gli viene contestato il reato di evasione dai domiciliari. Ora il 45enne è in carcere, in attesa di giudizio.

continua a leggere su Teleclubitalia.it