Si era reso irreperibile per un anno. Angelo Minichino, 50 anni, considerato legato al clan Mazzarella, è stato arrestato a Berlino, dove si era rifugiato, dalle autorità tedesche allertate dalla Cooperazione Internazionale di Polizia italiano su precise indicazioni dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli.

Droga a Napoli, latitante del clan Mazzarella catturato a Berlino

Il 50enne era destinatario di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Napoli per traffico di sostanze stupefacenti.

Minichino dovrà scontare la pena di 18 anni e 6 mesi di reclusione a seguito del provvedimento di condanna emesso dall’Autorità giudiziaria nell’ambito dell’operazione “Piazza Pulita” del 2007 coordinata dalla DDA partenopea. Secondo gli inquirenti, il 50enne era tra i principali gestori di una piazza di spaccio nel quartiere Forcella. L’arrestato è ora in carcere in attesa del provvedimento di estradizione.

Latitante a Marano

Due giorni fa è stato catturato Maurizio Ruffo, di Marano, uno dei narcos più importanti del panorama criminale italiano. L’uomo era irreperibile da circa 3 mesi. I poliziotti lo hanno arrestato a casa sua in via Norvegia a Marano. Ruffo era nascosto tra lenzuola e piumoni in un vano ricavato nel cassettone del letto matrimoniale. Secondo gli inquirenti, il narciso faceva parte di una organizzazione che trafficava stupefacenti da Napoli a Palermo.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it