Il premier Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno tenuta in queste ore ha fatto il punto della situazione  sull’andamento dei contagi in Italia. L’ex Presidente della Bce ha volto sottolineare l’alto tasso di vaccinati in Italia (superiore all’80%), una delle percentuali più alte d’Europa, senza però invitare tutti alla massima cautela nel periodo natalizio: “L’arrivo della variante Omicron, che gli scienziati ci dicono essere molto più contagiosa, ha aperto una nuova fase dell’epidemia. Domani si terrà la cabina di regia per decidere il da farsi. I vaccini restano lo strumento di difesa migliore contro il virus. Invito tutti i cittadini a vaccinarsi e fare la terza dose. Le evidenze scientifiche ci dicono che la terza dose funziona bene contro le varianti.”

Nuove restrizioni in arrivo?

Il Presidente del Consiglio nel corso del suo intervento non chiude all’ipotesi di nuove restrizioni in vista di Natale e Capodanno: “Ho detto più volte che dobbiamo difendere la normalità raggiunta, che significa niente chiusure e una scuola in presenza. Per farlo però dobbiamo prendere tutte le precauzione possibili. Domani discuteremo di questo, di cosa fare per rallentare la diffusione di questa contagiosissima variante. Quindi le mascherine anche all’aperto, l’uso delle Ffp2 in particolare in ambienti chiusi. Non è esclusa l’applicazione del tampone: nel Green Pass c’è un periodo in cui la protezione delle prime due dosi decresce e la terza dose non è ancora stata fatta. In quel periodo può essere utile un tampone. Ogni decisione è sempre guidata dai dati, non dalla politica come si dice in giro”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it