Emergono nuovi dettagli sulla serata in cui Dora Lagreca, 30enne di Montesano sulla Marcellana (Salerno), è precipitata da un balcone del quarto piano a Potenza. A casa con lei c’era il fidanzato, pare che la coppia fosse rientrata da una serata trascorsa con gli amici.

Dora Lagreca caduta dal balcone di casa, il fidanzato: “Si è buttata giù dopo una lite”

Tra i due sarebbe nata una lite poco prima della tragedia. A raccontarlo agli inquirenti è proprio il fidanzato della ragazza, che si era da poco trasferita dal comune del Salernitano per prendere servizio come insegnante in una scuola del Potentino. Per ora il fidanzato non risulta indagato.

Il giovane ha raccontato agli investigatori che lei avrebbe minacciato di buttarsi nel vuoto. Avrebbe poi provato a fermarla, ma lei avrebbe scavalcato la ringhiera del balcone e si sarebbe buttata giù, da un altezza di 15 metri.

A non credere alla versione fornita dal fidanzato sono i familiari della vittima. Secondo loro la 30enne campana non si sarebbe mai tolta la vita.

Gli inquirenti hanno ascoltato anche i vicini di casa, i quali hanno raccontato di essere stati svegliati dall’arrivo dell’ambulanza e di non aver sentito nulla. Cinque giorni prima di morire Dora Lagreca aveva pubblicato una frase contro la violenza sulle donne: “Quasi mai a compiere soprusi è uno sconosciuto col passamontagna che aspetta nell’ombra. Le violenze sono opera di qualcuno che si conosce”. Sulla salma della vittima è stata disposta l’autopsia, anche per capire se ci siano segni di violenza sul suo corpo. Per ora gli investigatori non escludono alcuna ipotesi.

continua a leggere su Teleclubitalia.it