Il processo per la morte di Salvatore Giordano, 14enne di Marano ucciso dal crollo del cornicione della Galleria Umberto in via Toledo nel luglio di due anni fa, partià il processo 5 ottobre. Sette gli imputati – come riporta il Mattino –  tra amministratori di condominio e dirigenti (che hanno gestito e coordinato i lavori di ristrutturazione dell’edificio) e impiegati pubblici (un dirigente comunale e due tecnici del servizio di protezione civile del Comune di Napoli) per “negligenza, imperizia, imprudenza, inosservanza di leggi, regolamenti, ordini e discipline”.

Le accuse sono di omicidio colposo e crollo colposo. Il ragazzo quel giorno stava passeggiando con gli amici e morì dopo 4 giorni di agonia per le gravi ferite riportate alla testa.

continua a leggere su Teleclubitalia.it