Non si arresta la quarta ondata di Covid-19 in Italia. Nella giornata di ieri, 9 gennaio, si sono registrati ben 155.659 nuovi contagi e 157 morti. Salgono parallelamente i ricoveri nelle strutture ospedaliere: ieri, secondo i dati del Ministero della Salute, ci sono stati 717 nuovi ingressi in area medica e +38 pazienti in terapia intensiva. 

Covid, monitoraggio Agenas: ricoveri in aumento

L’ultimo bollettino di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, evidenzia come il tasso di occupazione dei posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti sia aumentato dal 24 dicembre al 9 gennaio.

Tra le regioni sotto osservazione ci sono: Valle d’Aosta (45%), Abruzzo (22%), Calabria (al 36%), Campania (23%), Friuli (27%), Lazio (23%), Lombardia (28%), Molise (16%), PA Bolzano (16%), Piemonte (30%), Sicilia (30%), Toscana (21%), Umbria (30%).

Leggi anche >> Campania, cresce pressione sugli ospedali: oggi sfondato tetto dei mille ricoveri 

Risultano poi stabili oltre la soglia del 15%, Regioni come: Basilicata (19%), l’Emilia-Romagna (21%), Marche (25%), PA Trento (20%), Puglia (16%) e Veneto (23%).Resta sotto la soglia del 15% la Sardegna che resta stabile a 12%.

17% delle terapie intensive occupate in Italia

In Italia il 17% dei posti in terapia intensiva è occupato da pazienti positivi al Covid-19, con tasso segnalato in crescita in 9 Regioni. Il 24 dicembre scorso era invece occupato dall’11%, 6 punti in percentuali in meno rispetto all’ultimo bollettino.

Tra le Regioni a rischio troviamo la Calabria che risulta al 18%, dell’Emilia-Romagna al 17%, del Friuli-Venezia Giulia al 21%. E poi, ancora, del Lazio sempre al 21%, così come della Liguria, mentre la Lombardia è attualmente al 16%.

Gli altri dati riguardano Provincia Autonoma di Trento al 29%, Umbria al 15% e Veneto al 21%.

Il dato è stabile oltre la soglia massima stabilita del 10% anche in Abruzzo (15%), Campania (11%), Piemonte (23%), Sardegna (12%), Sicilia (16%), Toscana (20%), Valle d’Aosta (18%). In calo, invece, nelle Marche (21%) e nella PA Bolzano (18%). Sotto il 10% restano, infine, Basilicata (3%), Molise (5%) e Puglia (8%).

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it