coronavirus whatsapp scarpe

Coronavirus, su Whatsapp circola una nota vocale sulla presenza del virus sul bitume e quindi poi sulle scarpe. La vicenda ruota intorno alla presunta persistenza del virus per giorni sull’asfalto. Motivo per il quale chiunque esce di casa è potenzialmente portatore dello stesso Coronavirus una volta rientrato a casa. Anche attraverso le scarpe. Ma come spiega il sito bufale.net si tratta di un fake.

Coronavirus, su Whatsapp l’audio bufala

Il messaggio vocale dice questo: “Ciao ragazzi, volevo soltanto dirvi questa cosa, perché stasera ci ha telefonato uno dei nostri amici medici di Milano e ci ha caldamente consigliato di utilizzare solo un paio di scarpe per andare fuori, e lasciarle fuori dalla porta di casa una volta utilizzate. Perché sembra che il virus riesca a rimanere vivo per 9 giorni sull’asfalto. Questo è il motivo per cui vedevamo tutte quelle immagini in cui i cinesi facevano la disinfestazione nelle strade.

Ed è il motivo per cui stanno iniziando a fare la disinfestazione qua. A Milano almeno. Quindi, siccome ci hanno chiesto di diffonderlo, non lo faranno via televisione per non gettare il panico. Però ci hanno detto di diffonderlo tra le persone che conosciamo per mantenere questa buona regola. Ciao a tutti”.

La bufala sul virus sull’asfalto e le scarpe

Per smentire la bufala riguardante il Coronavirus sulle scarpe e la sua resistenza sull’asfalto per nove giorni, è sufficiente riportare un articolo di La Stampa, che ha citato a sua volta l’ISS. Ovvero, l’Istituto superiore di sanità. Togliersi le scarpe tornando a casa viene definita “una buona norma igienica“, ma per il Covid-19 non ha molto senso, in quanto la sua trasmissione avviene attraverso le goccioline che espelliamo tossendo o starnutendo principalmente.

Le truffe

Oltre alle tantissime fake news, circolano anche messaggi che sono in realtà tentativi di truffe. Uno di questi messaggi è questo: “Stanno girando persone con le tute bianche, fanno finta che devono disinfettare la casa e rapinano soprattutto le persone anziane”.

Al momento non è stato segnalato alcun tentativo di truffa. Tuttavia, è bene non credere a chi finge di essere un paramedico e di non aprire alla porta se si sospetta che dall’altro lato ci sia un truffatore.

Coronavirus, la Germania chiude le frontiere con Francia, Svizzera e Austria

continua a leggere su Teleclubitalia.it