All’orizzonte le elezioni a Città Metropolitana. Stando agli ultimi rumors dovrebbrero tenersi a fine anno ma i partiti cominciano a intensificare chiamate e riunioni coi propri fedelissimi. Ricordiamo che il rinnovo dell’ex Provincia rappresenta un’elezione di secondo livello. Ovvero per candidarsi occorre essere sindaco o consigliere comunale. Idem per votare. Il voto moderato varia a seconda del numero di abitanti del comune i cui il sindaco o il consigliere svolge la sua funzione istituzionale. A poche settimane dal voto iniziano a circolare i primi nomi dei papabili per l’Ente di Santa Maria La Nova. Andiamo con ordine.

Nomi, alleanze e retroscena sui futuri candidati

Quasi sicura è la ricandidatura del consigliere uscente Pd e sindaco di Cardito al terzo mandato Giuseppe Cirillo. Resta da sciogliere il nodo su reale sostegno di Mario Casillo, padrino politico del primo cittadino carditese nonché recordman di preferenze nel Pd in Campania. Alle ultime elezioni regionali da Cardito sono arrivati solo 400 voti per Casillo. Un dato che ha deluso enormemente Casillo dopo aver investito politicamente su Cirillo durante l’esperienza metropolitana attraverso il conferimento della delega ai Trasporti (fu lo stesso Casillo a spingere su De Magistris per la delega al sindaco). Nei prossimi giorni non sono escluse novità. Altro possibile candidato per il centrosinistra potrebbe essere Marcantonio Falco, consigliere comunale Pd a Caivano e nipote del sindaco Enzo Falco. Il giovane dem si candiderà in quota Sergio D’Angelo in qualche lista riconducibile al Pd. Anche qui resta da capire la natura del sostegno parte della maggioranza caivanese. Solo pochi mesi fa la giunta ha rischiato lo scioglimento anticipato del consiglio comunale a causa di una sfiducia poi naufragata per il rifiuto in extremis di Forza Italia.

Il Pd fa il pieno a nord di Napoli. In crisi FI

Restando sull’area a nord di Napoli va registrata la ricandidatura di Antonio Caiazzo, consigliere metropolitano uscente di Forza Italia e consigliere comunale azzurro ad Afragola. Figlio dell’ex sindaco di Afragola, Roberto Caiazzo, il giovane forzista è stato candidato a sostegno del candidato sindaco sconfitto Gennaro Giustino il quale, in caso di vittoria, avrebbe facilitato la strada per il sostegno a Caiazzo. All’opposizione tutto diventa più difficile. A Frattamaggiore si valuta l’ipotesi di candidatura di Daniele Barbato, Presidente del Consiglio Comunale in quota Fare Democratico. A Mugnano s’ipotizza la candidatura di Pierluigi Schiattarella, ex Presidente del civico consesso riletto in Assise a suon di preferenze in quota democrat. Non sono escluse altre novità nei prossimi giorni.

 

 

Sossio Barra

continua a leggere su Teleclubitalia.it