Prima la rissa in campo poi l’allenatore minacciato e picchiato da alcune persone armate di pistola. È quanto accaduto a Casavatore, nel napoletano, durante una partita di calcio a cinque under-19 tra i padroni di casa e ed il Quarto. Sulla vicenda indagano i Carabinieri della Compagnia di Casoria che stanno cercando di ricostruire la dinamica e i protagonisti della vicenda.

Lite in campo, poi spuntano le pistole: paura durante una partita di calcio a 5 a Casavatore

La rissa è degenerata durante la partita di calcio tra alcuni giocatori. Un calciatore del Quarto, già con le stampelle a causa di una frattura alla gamba è stato aggredito e scaraventato a terra. L’allenatore del Quarto è quindi intervenuto per difendere il suo giovane calciatore, ma a quel punto è arrivato un gruppetto di persone a volto coperto, armate di pistola, che hanno aggredito proprio con l’allenatore, “colpevole” di essere intervenuto. Il tutto davanti agli occhi, terrorizzati, degli spettatori tra cui tantissimi genitori, parenti e amici dei ragazzi in campo. Nella colluttazione, uno del gruppo ha colpito alla testa l’allenatore con il calcio della pistola: per lui, un trauma cranico.

I carabinieri di Casoria sono quindi intervenuti per raccogliere la denuncia dell’allenatore, nonché per scortare la squadra flegrea fino alla tangenziale. “Auspichiamo che la responsabilità di quanto avvenuto venga accertata quanto prima dalle forze dell’ordine, al fine di identificare gli aggressori e prendere i giusti provvedimenti”, spiega l’ASD Quarto Futsal in una nota, “Al di là della sconfitta che è maturata sul campo, in quanto ASD Futsal Quarto, noi ci sentiamo responsabili dell’incolumità dei nostri tesserati e valuteremo il da farsi per il prosieguo della nostra attività a livello giovanili, poiché il nostro interesse primario è garantire ai ragazzi di andarsi a divertire sui campi in massima sicurezza, al di là di ogni risultato sportivo”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it