Abusata sessualmente quando non aveva ancora compiuto 14 anni da un suo parente 36 enne. Una ragazza di Boscoreale, comune situato nell’hinterland napoletano, ha denunciato tutto alle forze dell’ordine permettendo l’arresto del suo presunto aggressore.

La denuncia

I carabinieri della stazione di Boscoreale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura di Torre Annunziata nei confronti di un 36enne, accusato di violenza sessuale ai danni di una minore. L’uomo sarebbe legata alla giovane attraverso vincoli di parentela. Le indagini sono partite dopo la denuncia presentata dalla vittima insieme ai suoi genitori. Gli episodi per cui è partita la denuncia sarebbero avvenuti circa quattro anni fa, quando la giovane non aveva ancora compiuto 14 anni. Dopo le formalità di rito, il trentaseienne è stato condotto nel carcere napoletano di Poggioreale.

La Procura di Torre Anunziata attraverso una nota sostiene che l’uomo “avrebbe approfittato delle condizioni di inferiorità della stessa per commettere abusi all’interno delle mura domestiche”. Non si ferma dunque la serie di abusi e maltrattamenti su minori. Addirittura durante il lockdown i casi sarebbero aumentati e la Campania, secondo alcune ricerche, rientra fra le regioni più colpite in Italia.

continua a leggere su Teleclubitalia.it