Il bonus da 200 euro sta per arrivare nelle tasche di 30 milioni di italiani, anche se con tempistiche e modalità di erogazione diverse. I primi a riceverlo saranno infatti i pensionati, già a partire dal mese di luglio. Poi spetterà ai lavoratori statali e autonomi, ai disoccupati e ai percettori del Reddito di Cittadinanza.

Bonus 200 euro, ipotesi estensione dei beneficiari: proroga ad agosto e settembre

Alle altre categorie toccherà aspettare il mese di ottobre. Intanto, una parte dei sindacati e in particolare la Cisl chiedono al governo un’estensione del bonus ad agosto e settembre, anche ad altre categorie.

“Abbiamo chiesto di prorogare le misure messe in campo negli ultimi decreti, il taglio sulle accise dei carburanti, bisogna allargare la platea dei beneficiari degli sconti in bolletta, bisogna valutare la possibilità di prorogare nei prossimi mesi il bonus dei 200 euro, recuperando quei lavoratori e lavoratrici stagionali, precari, autonomi, pensiamo agli agricoli, ai somministrati, ai lavoratori dello spettacolo, agli insegnanti pubblici che sono stati tolti dal decreto aiuti“, ha detto il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, lasciando Palazzo Chigi al termine dell’incontro dei sindacati con il premier Mario Draghi. Il nodo da sciogliere, tuttavia, è trovare le risorse. Fondi che potrebbero sbloccarsi grazie all’aumento delle entrate fiscali.

Leggi anche >> Bonus 200 euro, sul sito Inps è attivo il servizio per presentare la domanda

A chi spetta l’indennità

Beneficeranno della misura i seguenti soggetti: dipendenti, pensionati, percettori di prestazioni INPS (reddito di cittadinanza, NASPI, disoccupazione agricola, ecc.), i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, gli autonomi occasionali (senza partita IVA), colf e badanti, stagionali, a tempo determinato e intermittenti (compresi i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo). Ma anche gli incaricati alle vendite a domicilio. Il beneficio, è automatico solo per pensionato e percettori di prestazioni Inps. I dipendenti (settore privati) devono presentare in azienda il modello autocertificazione bonus 200 euro busta paga.

Chi sono gli esclusi

Le categorie, invece, che non riceveranno il bonus 200 euro sono i lavoratori precari, gli agricoli, i lavoratori dello spettacolo che abbiano meno di 50 giornate lavorate nel 2021, lavoratori licenziati a giugno e senza contratto a luglio, coloro che hanno pensione con decorrenza 1° luglio 2022, i disoccupati che hanno percepito la NASPI fino a maggio 2022, i lavoratori il cui contratto non prevede una contribuzione (ad esempio stage e tirocini, i dottorandi e assegnisti di ricerca).

continua a leggere su Teleclubitalia.it