Il bonus spesa fino a 1200 euro è un’agevolazione pensata per tutte le famiglie in difficoltà, in particolare per quelle colpite duramente dalla crisi economica provocata dalla pandemia. La misura è stata rinnovata dal Decreto sostegni bis e le risorse sono suddivise per Comune.

Chi può ricevere il Bonus Spesa

Ma a chi spetta il bonus? Proviamo a fare chiarezza. I bonus spesa vengono erogati dai Comuni e sono quest’ultimi a definire criteri e requisiti. Ogni Comune, infatti, stabilisce chi può fare richiesta, solitamente in base l’Isee, e quanti soldi mettere a disposizione. In genere si va da un minimo di 500 euro fino a un massimo di 1200 euro. 

C’è un altro requisito da rispettare per poter ricevere l’agevolazione, ossia la residenza nel comune presso il quale si presenta domanda. In alcuni Comuni, però, questa regola non vale per tutti i richiedenti. Ci sono, infatti, amministrazioni che hanno disposto l’attribuzione del bonus ai cittadini non residenti nel territorio comunale, come gli extracomunitari. In questo caso, basta dimostrare di essere in possesso di regolare permesso di soggiorno in Italia. 

Come fare domanda

Per ottenere il Bonus spesa bisogna controllare il bando pubblicato dal proprio Comune di residenza. Se si possiedono i requisiti, occorrerà compilare un modulo e consegnarlo o inviarlo, se la procedura avviene online, al Comune. 

Nel modulo ci sono una serie di campi da compilare che riguardano alcune informazioni basilari come il nucleo familiare, l’Isee in corso di validità, il reddito di ciascun componente. I beneficiari, inoltre, non devono essere percettori di altre forme di sostegno pubblico come RDC- REI- NASPI– Indennità di mobilità-Cassa Integrazione Guadagni.

Cosa si può acquistare

I Bonus spesa servono ad acquistare solamente generi di prima necessità. Oltre agli alimenti, il beneficiario ha la possibilità di comprare anche altri prodotti. Vediamo quali sono.

  • Farmaci (non in tutti i Comuni, conviene controllare il bando);
  • Prodotti per l’infanzia, come pannolini, latte in polvere, omogeneizzati, ecc.
  • ; prodotti per l’igiene e la cura della persona( bagnoschiuma, shampoo, deodorante, sapone, dentifricio, pannolini per bambini, assorbenti, carta igienica, cotone e altro ancora);
  • prodotti per la pulizia della casa (quali, ad esempio: detersivi, disinfettanti, saponi, strumenti come scope, secchi, panni detergenti, spugne e altro ancora)

Non è possibile acquistare, invece, con i bonus spesa:

  • bevande alcoliche, compresi vino o birra;
  • cosmetici o altri prodotti di bellezza;
  • cibo che non è di prima necessità (come patatine, caramelle, torte, ecc.)
  • arredi e corredi per la casa (stoviglie e altro)
  • prodotti e cibo per animali;
  • sigarette;
  • cellulari.
continua a leggere su Teleclubitalia.it